Senato della Repubblica, Piazza Madama, Roma
mail@stefanoborghesi.com

12 – “La riforma semplificherà i rapporti con le Regioni.” FALSO!

Il contenzioso fra Stato e Regioni, nato all’indomani della riforma del 2001, è stato in gran parte superato dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale che ha impiegato 15 anni per chiarire quei rapporti.


La riforma, contraddittoria e scritta male, riaprirà il contenzioso generando nuovo caos. L’utilizzo di espressioni generiche come “Lo Stato ha legislazione esclusiva circa le disposizioni generali e comuni” sul governo del territorio, istruzione, università, politiche sociali, tutela della salute ecc., creerà nuovi conflitti con le Regioni e paralisi decisionale. Cosa si intende infatti per disposizioni generali e comuni?

UN’ALTRA BUONA RAGIONE PER VOTARE NO!