La protesta di Anfo: i cittadini non vogliono i profughi


Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 712

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 714

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 717

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 712

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 714

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 717

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 712

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 714

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 717

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.stefanoborghesi.com/home/wp-includes/media.php on line 67
Anfo Profughi Protesta

Anfo Profughi Protesta

Dopo i recenti arrivi, i profughi ad Anfo sono 47 su 480 residenti: uno ogni dieci abitanti.

I cittadini si ribellano: «sono troppi».


Una vicenda surreale, quella che i cittadini di Anfo stanno vivendo a causa dei presunti profughi. Dopo l’invio di altri 40 immigrati, in paese se ne contano 47. Ma Anfo è un piccolo paese di 480 anime, dove adesso i profughi sono il 10% della popolazione.

I conti non tornano.

 

All’inizio i presunti profughi ospitati al residence Tre Casali di Anfo erano soltanto 7, i successivi 40 sono arrivati nei giorni scorsi in gran segreto.

Come spesso accade, chi gestisce l’accoglienza si accorda direttamente con la Prefettura e non avverte il proprio Comune. Così gli immigrati arrivano senza che l’Amministrazione possa fare nulla.

 

Anfo profughi corriere tre casali

I profughi ospiti del residence Tre casali di Anfo
(Foto: Corriere Brescia)

 

È sempre molto importante sottolineare che si tratta “presunti profughi”, e quindi di potenziali clandestini perché ancora non si sa se queste persone possano restare legittimamente ospiti del nostro paese. Questi signori vanno identificati, prima di essere ospitati.

 

 

La maggior parte dei profughi che vengono ospitati (a spese nostre) si rivelano in realtà clandestini.

 

Chi ha i requisiti di profugo è giusto che venga accolto, ma tutti gli altri no. I clandestini che ospitiamo a Brescia sono quasi l’80% dei profughi che ci mandano Renzi e Alfano, sono numeri vergognosi.

 

«La gente è preoccupata e vive questa situazione come una vera invasione».

Queste le parole di Umberto Bodoni, sindaco di Anfo. Come non sentirsi invasi, quando arrivano di colpo una cinquantina di presunti clandestini in un comune di neanche 500 abitanti?

«Sono il 10% della popolazione, è un’assurdità»

Dichiara Giovan Maria Flocchini, il Presidente della Comunità montana.

La gente è allarmata e si chiude in casa. L’equilibrio sociale rischia di spezzarsi. Uno solo il pensiero comune dei cittadini di Anfo: «sono troppi».


L’accoglienza dei presunti profughi è ormai un sopruso istituzionalizzato. Renzi e Alfano parlano a vanvera ma non sanno (o non vogliono) risolvere il problema.

Noi come Lega Nord siamo da sempre vicini alle necessità del nostro territorio e della nostra gente. Io personalmente porterò il caso all’attenzione del Parlamento, per rendere conto al disastroso Ministro Alfano di questa assurdità.

I cittadini sono stufi dei profughi, ad Anfo come a Gorino.
Questa invasione dev’essere fermata.

 

Anfo Profughi Corriere

Il presidio di protesta della Lega Nord contro l’invasione di profughi ad Anfo. (Foto: Corriere Brescia)

CLICCA QUI e segui da vicino tutta la vicenda di Anfo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *