Senato della Repubblica, Piazza Madama, Roma
mail@stefanoborghesi.com

Hotel house a Porto Recanati: tra illegalità e degrado

Droga, contraffazione e violenza alla luce del sole.

Da quando la società che gestiva la struttura ha smesso di occuparsene, la situazione all’Hotel House continua a peggiorare.


A Porto Recanati esiste un grande immobile noto con il nome di Hotel House. Una struttura di 17 piani e 480 appartamenti, in cui vivono non meno di 3 mila persone. I minori sono diverse centinaia, e sono circa 40 le nazionalità differenti che abitano l’Hotel. In quello stabile accade di tutto, dal commercio di droga alla produzione clandestina di beni contraffatti.

Hotel House porto recanati

Hotel House a Porto Recanati (fonte: YouReporter.it)

Nel corso di un blitz condotto nel novembre 2015 in un appartamento situato all’Hotel house, le forze dell’ordine hanno ad esempio reperito tra le altre cose ben 56 chilogrammi di eroina. Droga che di tanto in tanto è alla base di sanguinosi regolamenti di conti tra persone di nazionalità differente che risiedono o frequentano l’Hotel House.

Più recente è invece l’incursione dei finanzieri della tenenza di Porto Recanati, che ha portato allo smantellamento di un laboratorio clandestino situato al sedicesimo piano del grande stabile. Durante questa azione, tra le altre cose, sono stati sequestrati ben 20 mila articoli contraffatti ed i macchinari per fabbricarli.


L’Hotel house non è gestito né tenuto sotto controllo da nessuno, nemmeno dalla società incaricata di gestire la struttura.

 

La società Lu.To risulterebbe inadempiente nei confronti del personale che doveva mantenere la struttura. Non ha pagato per circa sei mesi le cinque persone incaricate del servizio di portierato nel palazzo. Inoltre, alle legittime proteste degli operatori, la società ha risposto con azioni giudiziarie, tese al riconoscimento del loro licenziamento per giusta causa. Il personale è stato quindi allontanato, e la situazione dell’Hotel House è ulteriormente peggiorata. Sia sotto il profilo della legalità, con un significativo incremento delle attività di spaccio di stupefacenti, che sotto quello della pulizia e dell’igiene nella struttura. La situazione è fuori controllo.

 

Pertanto chiedo al Ministero dell’Interno:

  • se il Governo non intenda intervenire più incisivamente a Porto Recanati, intensificando, in quanto di competenza, il monitoraggio dell’Hotel House da parte delle forze dell’ordine ed autorizzando l’effettuazione di un maggior numero di controlli sulle attività che vi si conducono;
  • se e quali ulteriori iniziative il Governo intenda assumere, per quanto di competenza, per la tutela dei cittadini interessati dalla questione esposta in premessa (4-14430)

 

Clicca sull’immagine per leggere l’interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministero dell’Interno.

Interrogazione Hotel House

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *